Formazione finanziata

I Fondi Interprofessionali promuovono e finanziano piani formativi presentati dalle imprese che vi aderiscono. La formazione finanziata è la chiave di volta per la crescita delle imprese e per l’occupabilità e la professionalità dei lavoratori.

Fondi interprofessionali per la formazione continua sono stati istituiti con la legge 388/2000. L’obiettivo è diffondere la pratica dell’aggiornamento e della formazione nelle imprese italiane, “in un’ottica di competitività delle imprese e di garanzia di occupabilità dei lavoratori” (art. 118). Nelle intenzioni del legislatore è quindi chiaro che la formazione è la chiave di volta per la crescita delle imprese e per l’occupabilità e la professionalità dei lavoratori.

I Fondi sono organismi associativi di diritto privato, che vengono istituiti in base ad accordi interconfederali stipulati “dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale” e si alimentano con il contributo dello 0,30% in base alle adesioni delle imprese.

I Fondi possono finanziare in tutto o in parte piani formativi aziendali, territoriali, settoriali o individuali condivisi tra le parti sociali, attenendosi al criterio della redistribuzione delle risorse versate dalle aziende aderenti a ciascuno di essi e al principio della trasparenza, nonché eventuali ulteriori iniziative propedeutiche e comunque direttamente connesse ai piani concordate tra le parti sociali.

 

Come si aderisce ad un Fondo Interprofessionale?

Per aderire ai Fondi Interprofessionali è necessario scegliere nella “Denuncia Aziendale” del flusso UNIEMENS aggregato (ex DM10/2), all’interno dell’elemento “Fondo Interprof”, l’opzione “Adesione” inserendo il codice del Fondo Interprofessionale e il numero dei dipendenti interessati all’obbligo contributivo.

L’azienda inizia ad accantonare i Fondi Interprofessionali dal mese di competenza della Denuncia Aziendale (ex DM10/2) nel quale è stato inserito il codice del Fondo Interprofessionale scelto.

L’adesione a un Fondo Interprofessionale è unica e non va rinnovata ogni anno.

L’adesione a un Fondo Interprofessionale non comporta alcuna spesa aggiuntiva per l’impresa.

Per le imprese che non aderiscono a un Fondo Interprofessionale resta fermo l´obbligo di versare all’INPS il contributo integrativo secondo le consuete modalità.

 

G-Safe Srl e i Fondi Interprofessionali

I nostri consulenti sono a disposizione delle aziende clienti con le proprie competenze e la loro pluriennale esperienza per condividere un’analisi dettagliata e personalizzata dei fabbisogni formativi aziendali.

Durante questo primo contatto – anche solo in videoconferenza – l’azienda avrà la possibilità di conoscere le peculiarità dei diversi fondi interprofessionali di cui siamo partner.

G-Safe Srl accompagnerà il cliente verso la scelta più opportuna e conforme alle esigenze del progetto formativo da attuare.

G-Safe Srl è a stretto contatto con tutti i Fondi Interprofessionali ed analizza tutte le comunicazioni (Avvisi Pubblici, Bandi, ecc.) che periodicamente vengono emanate dagli stessi.

Questo permette ai consulenti G-Safe Srl di informare puntualmente le aziende delle iniziative e opportunità offerte dai Fondi Interprofessionali per non lasciarsi sfuggire nessuna opportunità di formazione finanziata.

G-Safe Srl è Ente Attuatore di alcuni fondi e grazie alle partnership strette a livello nazionale è in grado di operare sui principali Fondi Interprofessionali.

Per aderire al fondo:

 

FONDO

CODICE DI ADESIONE

FONDITALIA

FEMI

Come aderire

FONARCOM

FARC

Come aderire

FORMAZIENDA

FORM

Come aderire

FONSERVIZI

FPSI

Come aderire

FONDIMPRESA

FIMA

Come aderire

FONDER

FREL

Come aderire

FONDIRIGENTI

FDIR

Come aderire

FON. COOP

FCOP

Come aderire